Giochi per PC

 
 

 
Alice: Madness Returns

Editore

Electronic Arts

Il sito Web ufficiale

Alice: Madness Returns

Genere

Azione
Avventura

Data di release

16-06-2011

Giocatore singolo

PEGI 18

Requisiti di sistema

Panoramica

Alice: Madness Returns vede la protagonista tornare a ruzzolare nella tana del coniglio per salvare di nuovo la sua sanità mentale. Graficamente, questo gioco di azione è almeno pari ai migliori titoli del settore, ma usando una GPU NVIDIA è possibile sbloccare una moltitudine di effetti PhysX, che aumentano in modo significativo la bellezza del bizzarro mondo di Alice.

Nell’anno 2000 Alice ha salvato la sua sanità mentale nel gioco American McGee's Alice, una reinterpretazione osannata dalla critica del famoso romanzo Alice nel paese delle meraviglie, pubblicato nel 1865 da Lewis Carroll. American McGee, il regista del gioco, ha puntato sulla violenza e sul senso di straniamento, una scelta che ha aiutato il gioco a distinguersi dagli altri titoli ben poco creativi della sua era e lo ha spinto a vendere oltre un milione e mezzo di copie.

Dopo un paio di tentativi senza successo di dare un seguito alla storia, Electronic Arts ha annunciato nel 2009 che American McGee e il suo studio di sviluppo con sede a Shanghai, Spicy Horse, stavano lavorando a un secondo episodio che ripartisse dalla fine del primo.

Dopo aver recuperato la propria sanità mentale alla fine del gioco originale, Alice è stata dimessa dal manicomio di Rutledge e affidata alle cure di uno psichiatra in una casa famiglia per bambini orfani della Londra dell’era vittoriana. Proprio qui inizia la trama del sequel, Alice: Madness Returns. Sono trascorsi undici anni e Alice, che ha vissuto una vita di relativa normalità, inizia a subire allucinazioni e ricordi intensi correlati alla morte dei suoi genitori, nel primo gioco attribuita a una catena di eventi originata da un gatto maldestro. Mentre la sanità mentale di Alice inizia a crollare, lei si rituffa nella tana del coniglio per scoprire la verità e tornare alla normalità.

Il Paese delle meraviglie, ora ancora più strambo e pazzesco, richiede un approccio più violento da parte di Alice e, quindi, armi sempre più grandi e letali e abilità del tutto nuove. Dal momento che si tratta di un gioco fortemente incentrato sulla trama e che punta sulla pazzia per sbilanciare i giocatori, non vi rovineremo le molte sorprese che lo caratterizzano e neppure gli strumenti che dovrete usare, ma senza timore di anticipare nulla possiamo certamente dirvi che sono senz’altro bizzarri.

Graficamente, Alice usa l’Unreal Engine 3 di Epic, quindi parte alla pari con molti altri titoli recenti, ma se disponete di una scheda grafica compatibile con PhysX potrete sperimentare una serie quasi infinita di altri effetti studiati per agevolare l’immersione nel gioco. Da bolle galleggianti del tutto realistiche che si spostano sullo sfondo, a foglie che cadono con tutta la verosimiglianza necessaria. Il mondo di Alice è ricchissimo di sottili effetti che aumentano esponenzialmente la credibilità del Paese delle meraviglie e delle sue follie.

La tecnologia PhysX viene usata per migliorare la stragrande maggioranza degli aspetti di Alice: Madness Returns. Le armi offrono effetti particellari che rendono più realistica la loro dimensione. Inoltre, nel caso delle armi pesanti di Alice, l’ambiente viene deformato e distrutto in modo realistico da ogni impatto, mentre con la tecnologia PhysX inattiva non ci sono variazioni di nessun genere. Alla loro morte i nemici rivestono l’ambiente di particelle e dei loro resti e uno dei nemici più comuni di Alice deposita una sostanza nera e vischiosa sul terreno quando viene colpito. Alice può quindi attraversare questa sostanza e disperderla in modo realistico. Esplosioni ed eventi di gioco sono analogamente perfezionati e sebbene una parte dei miglioramenti possa non sembrare significativa, la loro perdita viene istantaneamente notata se si disattiva PhysX.

Requisiti di sistema

Requisiti minimi di sistema

Sistema operativo Windows 7 SP1, Windows Vista con SP2, Windows XP con SP3
Processore Intel Core2 Duo o AMD Athlon X2 a 1,60 GHz o più
Memoria 2048MB o maggiore
Video NVIDIA GeForce 7600 a 256 MB o superiore
Spazio su disco fisso 8,5 GB
Audio compatibile con DirectX 9.0c

Screenshot

 
 
 

Altri giochi per PC popolari

Diablo III
Mass Effect 3
L.A. Noire
Rage