Back

NVIDIA Demo: Timbury

 
 
Timbury Entonin Mudgett è uno scienziato che non ha mai creduto che l'entomologia fosse una disciplina per sedentari. Perennemente alla ricerca di esemplari nuovi e sconosciuti, il nostro scienziato si getta a capofitto in foreste tropicali, praterie e caverne a caccia degli insetti più rari e bizzarri.

Timbury è un vero campione per determinazione nel ricavare esemplari di insetti dai luoghi più inusuali. Oltre a ciò, la qualità dei suoi bozzetti è leggendaria. Il numero degli schizzi realizzati è altissimo e la licenza artistica che si concede nel prepararli è piuttosto singolare. La stragrande maggioranza dei suoi insetti sulla vita degli insetti presenta specie precedentemente ignote alla scienza e la maggior parte di essi sono ritratti sorridenti, in modo da mostrare le loro dentature da squali. Alcune delle sue raffigurazioni ritraggono insetti che indossano calzature e abiti. Tristemente, nessuno dei suoi esemplari ha mai ottenuto un successo all'altezza dell'aspettativa generata dai suoi bozzetti.

Numerose delle sue più inestimabili scoperte, sfortunatamente, sono più correttamente classificabili come parti di fogliame e rametti. È per questa ragione che Timbury viene spesso apparentato all'instancabile promotore della risibile teoria dell'uomo di Piltdown, Charles Dawson, invece che a Charles Darwin. Timbury, per parte sua, è felice di poter comunque contribuire all'instancabile progresso della scienza.

Questo strano ometto offre alle GPU NVIDIA® GeForce™ 6800 l'opportunità di dimostrare che non offrono soltanto una straordinaria potenza per l'ombreggiatura di vertici e pixel, ma anche una eccellente precisione nativa in virgola mobile che consente loro di gestire agevolmente dati in virgola mobile a 32 e 16 bit.

Principali funzionalità:

1. L'illuminazione è calcolata dall'OpenEXR in virgola mobile a 16 bit di Industrial Light and Magic, soluzione che consente di sfruttare un'elevata gamma dinamica precedentemente impossibile da ottenere. Il personaggio è illuminato da luci puntiformi, direzionali o spot ambientali e non artificiali.

2. La scena viene renderizzata in virgola mobile a 16 bit, soluzione che consente la sfocatura della scena e viene utilizzata per calcolare la risposta delle pupille dell'utente. Questo fa sì che la scena si schiarisca e si scurisca sulla base della quantità di luce che colpisce l'occhio. Un passaggio di post-elaborazione consente alle aree luminose di risplendere nell'immagine finale.

3. I lineamenti di Timbury sono rifratti nelle spesse lenti dei suoi occhiali per amplificarne le emozioni mentre ispezione quello che ritiene essere uno degli esemplari più inestimabili scoperti dal suo genio stravagante.

4. Le superfici di suddivisione offrono a Timbury un livello di dettaglio dinamico basato sulla posizione effettiva dello spettatore.



 
 
FacebookTwitterGoogle+LinkedInPinterest