Stampa

NVIDIA Maximus rivoluziona la vita e il lavoro del fondatore di Digital Spatula
ESPN

All'inizio di un programma sportivo per la TV, un elaborato logo 3D metallico dell'ESPN attraversa lo schermo in diagonale, quindi ruota e scompare sullo sfondo. A una fiera dell'elettronica, Toshiba lancia una nuova linea di laptop con un video riprodotto a ciclo continuo che sottolinea le caratteristiche e le funzioni avanzate dei prodotti. Gli enti del turismo della California e dell'Italia mostrano video traboccanti di scenari lussureggianti e spettacolari per attrarre nuovi visitatori.

Qual è il filo comune che lega questi avvenimenti? Sono tutti progetti di Steve Taylor e Digital Spatula, una società di produzione video fondata nel 1997 con sede nella California meridionale. Da allora, Digital Spatula fornisce servizi completi di pre-produzione, produzione e post-produzione per clienti che includono CNN, BMW, Toshiba, Jaguar/Land Rover, Johnson & Johnson e la squadra di baseball dei California Angels.

La maggior parte del lavoro di Digital Spatula viene svolto per conto di clienti aziendali e industriali. I compiti affidati a di Digital Spatula comprendono il lancio di nuovi prodotti, le descrizioni aziendali e i loop video riprodotti negli stand delle fiere. Oltre a questo, l'azienda produce video per organizzazioni non-profit, effetti per le produzioni TV e cinematografiche e persino video musicali.

“Siamo specializzati in progetti con un forte elemento visivo e molto impegnativi dal punto di vista della grafica”, ha dichiarato Taylor. “Capacità, esperienza e passione mi portano a favorire la fusione di video e animazione: talvolta inserisco video all'interno dell'animazione, altre volte uso l'animazione a supporto dei video. Queste operazioni richiedono molto lavoro su green screen, molti layer e moltissimo rendering.”

La complessità e il volume dei progetti di Digital Spatula stavano spingendosi oltre i limiti della tecnologia, sinché Taylor ha scoperto la piattaforma NVIDIA® Maximus™ e improvvisamente la qualità del suo lavoro e della sua vita sono migliorati esponenzialmente.

SFIDA

Taylor si affida ai software Adobe Premiere Pro e After Effects per l'editing video basato sulle timeline e per l'animazione e il compositing digitali. Inoltre usa il software Maxon Cinema 4D per creare testo mobile 3D con ray-tracing per le animazioni dei crediti e dei loghi. Taylor voleva passare alla versione Creative Suite (CS) 6 delle applicazioni Adobe, ma il suo Mac Tower, dotato solo della scheda grafica di base, non era assolutamente in grado di usare le nuove funzioni abilitate da CS6, specialmente con After Effects.

Italy Travel

Anche con le versioni di CS5 eseguite sul suo Mac, Taylor trascorreva quantità di tempo esorbitanti in attesa del completamento dei rendering di Maxon Cinema 4D. Inoltre, dal momento che After Effects e Premiere Pro dovevano essere eseguiti come applicazioni separate, era richiesta una grande quantità di lavoro per fondere il risultato dei due programmi, ad esempio per combinare i frame di Cinema 4D con i video di Premier Pro. Di conseguenza, Taylor poteva seguire solo un numero di lavori decisamente contenuto, oltre a dover limitare il numero di iterazioni di ottimizzazione della grafica. Il suo processo creativo finiva per essere frammentato dalla lunga durata delle operazioni di rendering.

“Voglio essere produttivo e fornire la massima qualità possibile, ma voglio anche vivere la mia vita nel miglior modo possibile”, ha concluso Taylor. “Non posso raggiungere questi obiettivi se sono costantemente fermo a guardare una barra di avanzamento sperando che arrivi a completamento.”

SOLUZIONE

Come beta tester di Adobe, Taylor ha riscontrato che un passaggio alla piattaforma NVIDIA® Maximus – che combina schede grafiche NVIDIA Quadro con processori grafici NVIDIA Tesla C2075 – gli avrebbe permesso non soltanto di sfruttare le funzioni più recenti e interessanti di After Effects, ma anche di rendere più utili tutte le applicazioni di CS6 e i loro effetti.

Taylor ha aggiornato il suo software After Effects e Premier Pro alle versioni CS6 e ha installato nel suo studio una workstation HP Z800 che esegue la piattaforma Maximus con una GPU Quadro 4000 e con il processore Tesla C2075.

Taylor ha immediatamente iniziato a testare le performance del nuovo sistema Maximus per operazioni quali la creazione di complessi effetti di animazione 3D, o lo spostamento di loghi per renderli fotorealistici. Queste operazioni prevedono il ray-tracing, il warp stabilizing, la correzione di colore multi-layer, il rendering e altre funzioni complesse. Ha inoltre iniziato a sperimentare l'ambiente software consolidato di CS6.

Ben presto ha riscontrato che i miglioramenti di prestazioni rispetto al suo vecchio sistema non erano meno sorprendenti.

IMPATTO

“Il sistema Maximus mi ha cambiato la vita”, ha dichiarato Taylor. “Dal primo istante in cui siamo riusciti a far funzionare il sistema, abbiamo potuto riscontrare un sorprendente aumento di potenza e velocità permesso dalla perfetta sinergia esistente fra software e hardware. Il suo effetto sul mio lavoro e sulla mia vita è stato davvero rivoluzionario.”

Ha allestito un progetto di prova usando After Effects per creare alcune forme estruse e testo – una funzione che Taylor sapeva di dover usare frequentemente nel proprio lavoro. Ha renderizzato gli stessi 31 frame (un videoclip di circa un secondo) simultaneamente, con le medesime impostazioni, sul sistema Mac senza l'elaborazione CUDA e con il nuovo sistema Maximus.

“La prova ha messo KO il mio Mac”, ha dichiarato. “All'inizio, ho riscontrato un aumento di 48 volte della velocità di rendering, ma poi ho realizzato che solo la scheda Quadro è stata dedicata alla elaborazione CUDA. Con entrambe le schede Quadro e Tesla attivate, le velocità di rendering balzavano a incredibili valori 68 volte superiori rispetto al Mac.”

Ecco un confronto tra i tempi di rendering con il vecchio workflow confrontati al workflow Maximus di Spatula. I dati sono stati ricavati da Taylor nei propri test:

Vecchio workflow

Workflow di Maximus

Videoclip di 1 secondo

4 ore

3,5 minuti

Videoclip di 15 secondo

60 ore

52,5 minuti

un minuto di video

240 ore*

3,5 ore

* equivalente a 30 giorni di otto ore

Inoltre, il sistema Maximus ha permesso la riproduzione in tempo reale persino di clip con effetti complessi applicati, In precedenza, questo sarebbe stato impossibile per Digital Spatula. La piattaforma NVIDIA ha inoltre permesso a Taylor di svolgere tutto il suo lavoro all'interno di una singola suite di applicazioni integrate: Adobe Creative Suite 6.

“La maggiore rapidità di rendering resa possibile dal sistema Maximus ha nettamente migliorato il mio processo creativo”, ha dichiarato Taylor. “Se posso progettare, vedere e renderizzare rapidamente in piena risoluzione, oltre a effettuare cambiamenti e ri-rederizzare – il tutto senza dover subire interruzioni periodiche di mezza giornata – posso aumentare il numero di iterazioni di un progetto e non correrò il rischio di smarrire il filo dei miei pensieri. Alla fine, questo porta inevitabilmente ad aumentare la qualità del lavoro. Ora che le mie limitazioni hardware sono scomparse, sono in grado di dare libero sfogo alla mia creatività.”

Questo significa anche che ora Taylor è in grado di realizzare maggiori quantità di lavoro a parità di tempo. “Posso accettare più lavori e generare più fatturato in una data settimana o mese”, ha dichiarato Taylor. “Posso anche chiedere cifre maggiori per il lavoro che svolgo grazie alla sua superiore qualità.”

Taylor ha calcolato che il sistema Maximus si è ripagato rapidamente. “Ho stimato che la possibilità di accettare due lavori supplementari sia sufficiente a ripagare il costo del sistema”, ha dichiarato. “La resa dei dollari che ho speso per acquistare questo sistema è davvero eccezionale.”

L'effetto più profondo, tuttavia, è stato con ogni probabilità quello sulla qualità – e la quantità – della vita di Taylor non dedica al lavoro.

“Ora posso usare il mio tempo per fare altro invece che attendere il rendering delle immagini”, ha dichiarato. “Posso passare più tempo con la mia famiglia e posso fare cose importanti per me. Finalmente ho un po' di tempo da dedicare a lavori pro bono per organizzazioni non-profit alle quali credo, una cosa che ho sempre desiderato fare. Non riesco neppure a esprimere quanto sia soddisfacente essere in grado di usare le mie risorse, le mie capacità e il mio talento per aiutare quelle organizzazioni non-profit. Sono molto grato al sistema Maximus per avermi permesso di tenere fede ai miei principi e di fare qualcosa per il mondo.”