Stampa

NVIDIA Maximus rende l’iniziativa “Design Clinic” un vero e proprio successo per CLEAT Inc

CLEAT Inc., con sede a Tokyo (Giappone), è un’azienda specializzata nell’offerta di servizi di grafica computerizzata in 3D (3D CG). Per soddisfare le crescenti esigenze dei clienti, il management ha capito che avrebbe avito bisogno di ridurre nettamente la durata delle operazioni di rendering pur preservando la qualità della grafica.

Kensuke Yamashita
Kensuke Yamashita,
presidente e CEO di CLEAT Inc.

CLEAT Inc. è stata fondata da Kensuke Yamashita nel 1990, dopo la fine della sua esperienza come stilista automobilistico per Honda R&D Co., Ltd. Negli ultimi ventuno anni, l’azienda ha conquistato una moltitudine di clienti di spicco, fra cui: Giant, un costruttore di biciclette sportive di caratura mondiale, NIKE Japan e SQUARE (SQUARE ENIX).

CLEAT è leader nella creazione e presentazione di immagini di prodotti in 3D CG con finalità di marketing. Tuttavia, durante la recente crisi economica mondiale, i concorrenti sono passati all’offensiva in tutte le aree, puntando su economie di scala e riduzioni dei prezzi, creando un ambiente competitivo più difficile per CLEAT. È stato proprio in questa situazione che Kensuke Yamashita, presidente di CLEAT Inc., ha concepito “Design Clinic”, un’iniziativa aziendale basata sul 3D CG.

L’iniziativa viene offerta come integrazione del processo di sviluppo dei prodotti ed è destinata alle aziende manifatturiere, un ambito nel quale storicamente le principali aziende del settore di CLEAT hanno sempre avuto difficoltà a far breccia. Tuttavia, data la sua passata esperienza come progettista, Yamashita ha stretto un gran numero di relazioni personali in quest’area che hanno contribuito ad agevolare l’ingresso di CLEAT nel settore e i suoi rapporti con i clienti.

“Noi forniamo ai clienti consulenti in grado di aiutarli a sviluppare una metodologia per migliorare la progettazione dei prodotti. Si può dire che forniamo gli strumenti per realizzare un vero e proprio vantaggio competitivo", ha dichiarato Yamashita. “Questo approccio è immediatamente comprensibile ai clienti che vogliono distanziare i propri rivali. Però, questi clienti non possono scarificare la velocità operativa, neppure in nome di una metodologia di progettazione perfezionata. Non appena abbiamo presentato l’iniziativa Design Clinic, i produttori hanno immediatamente richiesto più precisione e maggiore rapidità.”

La recente comparsa delle workstation HP Z800 con tecnologia NVIDIA Maximus ha offerto a CLEAT un’occasione d’oro per dare impulso a Design Clinic.

SFIDA

Trovare gli strumenti giusti per accelerare il turnaround

CLEAT
Didascalia dell’immagine: Immagine cortesemente offerta da CLEAT, con progetto 3D di Jiro Katayama;
Direzione del CGI di Takuma Hashimoto (CLEAT); progetto CGI di Shunsuke Nakauchi (CLEAT)

Nel 2000 le aziende manifatturiere hanno iniziato a chiede a CLEAT consigli sull’introduzione del CAD 3D nel campo del design industriale. Il presidente Yamashita inizialmente rispondeva a queste richieste a titolo gratuito. Tuttavia, la domanda è cresciuta sino a diventare una vera e propria attività separata. Oggi, è una parte fondamentale delle attività operative dell’azienda.

“Ci occupiamo di trasferire le immagini nate nelle menti dei nostri clienti in rappresentazioni grafiche, che noi chiamiamo ‘rappresentazioni di immagini’”, ha dichiarato Yamashita. “Questo è il cuore dell’iniziativa Design Clinic.”

Già nel 2004, dopo aver ascoltato Yamashita in un dibattito pubblico, i dirigenti di Yamaha Motor Co., Ltd hanno deciso di stringere rapporti commerciali con CLEAT e di affidarsi al suo Design Clinic. Al momento, Yamaha stava cercando vantaggi competitivi sul mercato europeo. La concorrenza stava crescendo e l’idea del Design Clinic di CLEAT solleticò l’interesse dell’azienda. Yamashita ipotizzo che i clienti intenzionati ad acquistare moto di grossa cilindrata potessero essere motivati dall’estetica del prodotto e non soltanto dalla sua qualità.

“I precedenza, i costruttori si concentravano sulla qualità, sul costo e sulla consegna. Oggi, prestazioni e qualità sono ormai comuni e l’emozione è diventata il fattore motivante essenziale del processo di acquisto”, ha continuato Yamashita.

L’inizio del rapporto di lavoro con Yamaha nel contesto del servizio Design Clinic ha presentato numerose sfide al team di CLEAT. Si trattava infatti di produrre immagini 3D di alta qualità in grado di suscitare emozioni e rispecchiare le caratteristiche che i clienti ritenevano ‘imprescindibili’ nelle ricerche di mercato. La singola sfida più impegnativa per CLEAT in questo processo era rappresentata dalla durata delle operazioni di rendering, che rendevano le revisioni praticamente impossibili. Yamaha aveva l’esigenza di rivedere forma e colore dei prodotti in tempo reale. CLEAT avrebbe voluto variare e modificare questi aspetti in tempo reale e ruotare l’immagine del prodotto di 360 gradi per consentire la revisione da tutti i lati. A differenza delle attività di marketing/pubblicità, che possono essere sottoposte a rendering con calma, le attività legate alla produzione richiedono un’elaborazione quasi in tempo reale. “Era molto semplice”, ha dichiarato Yamashita. “Ci servivano strumenti in grado di aumentare la velocità di elaborazione pur preservando la qualità del nostro lavoro.”

SOLUZIONE

CLEAT

Riduzione della durata delle operazioni di rendering e aumento della qualità delle immagini con NVIDIA Maximus

Nell’ottobre del 2011, CLEAT ha installato una workstation HP z800 potenziata da NVIDIA® Maximus™. La configurazione NVIDIA Maximus nella workstation HP Z800 di CLEAT si basa su una scheda grafica professionale di fascia altissima NVIDIA Quadro® 6000® e su co-processore NVIDIA Tesla™ C2075. L’azienda utilizza il software Autodesk 3ds Max 2012 Subscription Advantage Pack che comprende l’applicazione di rendering in tempo reale ActiveShade con il software di rendering NVIDIA iray®. Grazie a questi nuovi strumenti, l’azienda è stata in grado di fornire immagini 3D di alta qualità e di ridurre la durata delle operazioni di rendering da 10 minuti a 30 secondi.

CLEAT

“Con la precedente workstation ci servivano dieci minuti per cambiare il colore di una ruota. Nel nuovo ambiente NVIDIA Maximus, iray funziona alla perfezione e ad altissima velocità, migliorando nettamente il nostro workflow. Ora possiamo completare le operazioni di rendering in circa 30 secondi. L’accelerazione ottenuta è davvero strepitosa”, ha fatto notare Yamashita.

IMPATTO

“Prima di ricorrere alla tecnologia NVIDIA Maximus, la produzione e il rendering di un filmato nel quale il prodotto venisse ruotato di 360 gradi era un’impresa per la quale occorreva una nottata intera di elaborazione”, ha aggiunto Yamashita. “Ora possiamo completare l’intero filmato in 30 minuti.”

“La parte più importante del nostro lavoro”, prosegue Yamashita, “consiste nell’esprimere ‘l’atmosfera’ creata dai prodotti. La nostra precedente tecnologia per workstation consentiva un’anteprima istantanea, ma la qualità era del tutto insoddisfacente e non presentava l’atmosfera corretta. La tecnologia NVIDIA Maximus ci ha finalmente offerto la qualità e la velocità necessarie per visualizzare anteprime ideali per il nostro lavoro.”

La tecnologia NVIDIA Maximus ha inoltre aiutato CLEAT a migliorare l’esperienza degli altri clienti che usano tablet per mostrare immagini e filmati di oggetti a varie angolazioni per valutare le reazioni dei soggetti coinvolti in sondaggi. Quando il rendering veniva eseguito sulla precedente soluzione workstation di CLEAT, si dovevano attendere dai due ai tre minuti prima che l’immagine comparisse sullo schermo... un’eternità rispetto ai 30 secondi richiesti dalla tecnologia NVIDIA Maximus. Inoltre, dato che ora la workstation può essere usata per altre attività mentre esegue le operazioni di rendering, il tempo macchina può essere usato con un’efficienza complessiva nettamente superiore.

Un ambiente di lavoro stabile e privo di stress

Shunsuke Nakauchi è un artista creativo che lavora per CLEAT ed è responsabile della produzione della parte visiva delle pubblicità dei prodotti e delle immagini per le ricerche di mercato. “Spesso, mentre la mia workstation sta realizzando i rendering di un lavoro, mi chiedono di iniziare a lavorare a un altro progetto. Grazie a NVIDIA Maximus, ora la workstation può eseguire il rendering di un lavoro e preparare il successivo contemporaneamente. Questo significa che posso lavorare più rapidamente e con maggiore efficienza di quanto fosse possibile in precedenza. Questo è ottimo per me e, in ultima analisi, anche per i miei clienti.”

CLEAT
Shunsuke Nakauchi, CLEAT Inc.

Prima che CLEAT installasse workstation HP Z800 con NVIDIA Maximus Nakauchi lavorava simultaneamente su due workstation collegate via server: una serviva al rendering della scena mentre l’altra era utilizzata per l’editing dei dati originali da sottoporre in seguito a rendering. L’uso di due workstation richiedeva la condivisione di dati, il che significava continue operazioni di caricamento e scaricamento, un processo lungo e macchinoso. I nuovi sistemi NVIDIA Maximus di CLEAT hanno consentito di eliminare questa parte del processo dato che ora tutto il lavoro può essere eseguito su una sola workstation.

“Lo stress di lavorare con due serie di dati di riferimento di dimensioni superiori al gigabyte mentre allo stesso tempo si attendeva il rendering di una scena è stato totalmente eliminato, ha dichiarato Nakauchi. “Anche le velocità di lettura e scrittura dei dati sono migliorate nettamente. Prima dell’arrivo del sistema NVIDIA Maximus, le velocità di rendering tendevano a ridursi notevolmente appena le dimensioni dei dati superavano il gigabyte, ma ora questo non rappresenta più un problema.”

Nakauchi ha poi concluso dicendo: “grazie alle workstation HP Z800 potenziate dalla tecnologia NVIDIA Maximus e al software Autodesk 3ds Max 2012 con NVIDIA iray, posso svolgere il mio lavoro pur visualizzando tutta la qualità delle texture, un’operazione che prima mi era semplicemente impossibile senza subire errori di sistema. Il tempo necessario per il rendering si è ridotto tanto che non posso neppure immaginare di tornare a usare workstation diverse e senza NVIDIA Maximus.”

Un’idea innovativa: “CAD per comunicazioni”

Ora CLEAT Inc. sta promuovendo il “CAD per le comunicazioni,” a un nuovo servizio che funge da ponte tra la progettazione tecnica, il design e la vendita. Questa nuova iniziativa permetterà a CLEAT e ai suoi clienti di vedere una stessa immagine allo stesso tempo. Gli spettatori potranno cambiare colori e angoli di visualizzazione. Le workstation HP Z800 potenziate da NVIDIA Maximus giocano un ruolo attivo in questo progetto.

Prima di abbracciare la tecnologia NVIDIA Maximus, i processi di design richiedevano molte ore e la variazione dei progetti per migliorarne la qualità complessiva e soddisfare i clienti di CLEAT rendeva ancora più pressanti e affannosi i calendari dei progetti, con forti ricadute negative in termini di costo per i clienti. Grazie alla realizzazione di un ambiente di produzione basato su NVIDIA Maximus, CLEAT ha migliorato il servizio offerto ai clienti e le sue capacità produttive. Ora l’azienda ritiene di avere le carte in regola per un’ulteriore espansione delle sue attività.

Yamashita ha quindi concluso: “Dal momento che il nostro ambiente di produzione basato su NVIDIA Maximus riduce in modo così netto la durata delle operazioni di rendering, possiamo ridurre le tariffe per i clienti. La riduzione delle tariffe permetterà ai clienti di fare altri ordini e di ottenere immagini sensazionali e di grande precisione, perfette per le loro esigenze, in tempi molto contenuti.”

CLEAT Inc. 1

CLEAT Inc. 2

CLEAT Inc. 3

CLEAT Inc. 4